Installare OpenWrt firmware su Buffalo WHZ-HPG300NH

28 01 2012

Cominciamo con il dire che in rete si trovano valanghe di howto su come flashare i router con OpnWRT. Ho voluto scriverlo uno anch’io per 2 motivi:

1) Per ricordarmi i passi da fare (mi dimentico sempre i valori di default)

2) Perche’ ho aggiunto qualche piccola raccomandazione che potrebbe risparmiare tempo  “all’inesperto” che si appresta a questo tipo di operazione per la prima volta.
Il tutorial si basa sul WZR-HP-G300NH. Il motivo della mia scelta ricadde su tale router per le sue specifiche tecniche, che consentono di far girare diversi servizi in scioltezza, di installare pacchetti aggiuntivi, di aggiungere storage attraverso la porta usb e perche’ lo switch integrato e’ gigabit. Questa e’ la pagina del produttore. Da notare che tale router ha di default DD-WRT che altro non e’ che un firmware linux anch’esso originato dalo sviluppo del firmware del padre di tutti i router, il venerabile linksys WRT54G. DD-WRT offre piu’ o meno tutti i servizi che Openwrt mette a disposizione, con un’interfaccia web ancora piu’ raffinata. Quindi acquistando quel router avete gia’ tra le mani uno strumento estremamente versatile  e con funzionalita’ decisamente superiori alla media. Non saprei dire con esattezza quali sono i motivi per cui preferisco openwrt: forse lo trovo piu’ semplice da amministare via linea di comando e quindi ha il mio favore.
Tenendo presente che e’ possibile compilarsi il proprio firmware cosi’ come qualsiasi kernel Linux, di seguito ci sono le istruzioni per flash del device con l’ultima release stabile utilizzando il metofo tftp. Ci sono diverse altri modi per fare il flash ma questo e’ senza dubbio il piu’ sicuro e quello da utilizzare in situazioni disastrose ( ossia quando sembra che il router sia irrimediabilmente brikkato). Quindi tantovale imparare i passaggi fin da subito.
Primo concetto importante: il WZR-HP-G300NH ha un server tftp che ascolta ogni volta che il router viene acceso . Per pochi secondi, ma sempre, ad ogni boot. Questo serverino tftp sara’ contattabile con un indirizzo IP che e’ SEMPRE  192.168.11.1 e un mac che e’ SEMPRE 02:aa:bb:cc:dd:1a, indipendemente da cosa avete settato prima o da cio’ che e’ scritto sull’etichetta sotto il router.
Secondo concetto: beccare esattamente la finestra di tempo in cui il serverino tftp ascolta puo’ essere difficile. Se alla prima non va, non disperate e ritentate ricominciando da capo.
Ultimo concetto: tenete presente che quello che va fatto e’ stabilire una connessione tra il vostro pc e il router e basta. Quindi disabilitate le altre interfacce di rete ( la wireless del vostro portatile per esempio); collegate il cavo ethernet ad una porta dello switch del router ( per intenderci, non collegatela alla porta wan, quella colorata di blu); tenete anche presente che altri fattori potrebbero influenzare il successo o meno dell’operazione, per esempio se, come me, usate un computer su cui gira fedora con se linux in modalita’ enforced. Se sospettate che certe protezioni possano ostacolare la trasmissione dei pacchetti tra il vostro pc e il router, disabilitate temporaneamente  quelle protezioni o provate con un altro OS.
Quindi, dato che sappiamo gia’ quale e’ l’indirizzo ip del router in fase di ascolto e poiche’ dobbiamo stabilire una connessione point-to-point al device, come prima cosa diamoci un indirizzo della stessa classe. (in linux ricordate di essere root # o di usare sudo all’inizio del comando)
# ifconfig eth0 192.168.11.2
ovviamente la vostra interfaccia di rete potrebbe avere un nome diverso ( in mac sara’ porbabilmente en0): controllate prima il nome della vostra interfaccia lanciando ifconfig senza argomenti.

Avvertimento: se usate mac potreste essere tentati di settare l’indirizzo da Preferenze> Network. Non fatelo perche’ il valore impostato viene effettivamente preso dalla scheda di rete dopo che e’ avvenuto il primo scambio di pacchetti ( il che vi fara’ perdere la finestra temporale di ascolto del server tftp del buffalo).
Quindi aggiungiamo il mac del router nella nostra tabella arp con il comando

# arp -s 192.168.11.1 02:aa:bb:cc:dd:1a

Okay, adesso siamo pronti. Con il router SPENTO digitiamo
tftp 192.168.11.1
binary
rexmt 1
timeout 60
trace

In breve:
binary e’ la modalita’ necessaria per il trasferimento;
rexmt 1 dice al computer di tentare il trasferimento di continuo (come gia’ detto, dobbiamo centrare una breve finestra temporale);
timeout 60 e’ esattamente cio’ che sembra, un timeout;
trace serve per vedere i pacchetti inviati su schermo ( un modo da capire in modo inequivocabile che il trasferimento sta avvenenendo).

Ora l’ultimo comando. Appena premuto enter, accendete subito il router in modo da non rischiare di perdere il periodo di ascolto del server tftp.

put <nomedelfile>

Se tutto va bene vedrete a schermo i tentativi di contattare il buffalo finche’ non iniziera’ il trasferimento con i pacchetti listati. Altrimenti dopo un certo numero di tentativi falliti il timeout vi informera’ che non e’ stato possibile contattare la risorsa. In tal caso spengete il router uscite dal prompt tftp e ricominciate da capo la procedura.

Se il tutto ha successo, vedrete una grande attivita’ di led sul router. Lasciatelo stare, prendetevi un caffe’ e tornate solo quando ha finito di fare i suoi reboot ( ci mettera’ diversi minuti) e i led sono tutti verdi.

A quel punto avete due opzioni: connettervi all’interfaccia web luci digitando l’indirizzo del vostro router su un web browser o accedere via linea di comando. Attenzione perche’ l’indirizzo, dopo il flash, potrebbe essere cambiato a 192.168.1.1. Quindi se tutto ha avuto successo ma non riuscite a raggiungere il buffalo, cambiate l’indirizzo della vostra scheda di rete (per esempio a 192.168.1.2)  e quindi ritentate.
Se volete accedere via linea di comando, tenete presente che ssh di default e’ disabilitato. Quindi fate

telnet 192.168.1.1

una volta ammirato il banner di benvenuto digitate

passwd

per cambiare la password di root e quindi
exit

da questo punto in poi ssh e’ attivo e telnet disabilitato per motivi di sicurezza.

Annunci




Disponibile OpenWRT Backfire 10.03.1 final

2 01 2012

Il 2012 e’ arrivato e con esso la solita lista di buoni propositi. Uno dei miei e’ di tenere questo blog vivo o dovrei dire aggiornato, dato che ormai il blog vive di vita e propria e nonostante la mia pigrizia e’ constantamente visitato. Un grazie a tutti voi che passate di qui per un motivo o per caso.

Il primo post del 2012 riguarda quel bellissimo progetto ( e per niente nuovo) chiamato OpenWRT.

Per i pochi che ancora non sapessero di cosa si tratta, e’ una distribuzione Linux per router. In pratica una sorta di firmware alternativo, installabile sul proprio router di casa ma che e’ a tutti gli effetti una distribuzione Linux.

Ovviamente non tutti i device sono supportati. Va da se che e’ richiesta una certa memoria e una certa disponibilita’ di storage. La lista si trova qui.

Ora, per quale motivo ( a parte il fatto che fa molto “cool”) vorreste installare un firmware di questa foggia sul vostro fidato router? La risposta e’ semplice e difficile al tempo stesso. Nel senso che le funzionalita’ che vi ritrovete nel vostro router sono eccezionali ( firewall superiore, implementazione di openvpn, possibilita’ di creare VLAN, di avere un vostro proxy, un vostro dns ecc) e questa e’ ovviamente la risposta semplice.La parte difficile di questa meraviglia e’ che il tutto lo si apprezza solo quando lo si ha: parlarne difficilmente rende l’idea.

Comunque il progetto e’ cosi’ maturo che ne esiste anche una versione x86 quindi aprite il vostro vmware, virtualbox, kvm o qualsiasi virtualizzatore stiate utilizzando e testate pure. L’immagine e’ qui.

Il motivo per cui proprio ora mi metto a scrivere di openwrt risiede nel fatto che, dopo diverse release candidates, e’ appena uscita la versione Backfire 10.03.1 final. Per qualsiasi informazione raccomando vivamente la documentazione ufficiale del progetto. http://wiki.openwrt.org/

E’ ricca, precisa e la comunita’ e’ estremamente viva. Cio nonostante e’ mia intenzione fare qualche post sull’installazione (flashing) del firmware stesso e dei servizi di base che sopra ho menzionato, per condividere la mia esperienza e per aiutare coloro i quali trovassero la wiki di openwrt poco chiara.

A presto!





Terminale avanzato per Mac OS X

20 08 2011

Recentemente mi sono trovato ad usare spesso il terminale a causa di una serie di avventure con il mio router ed OpenWrt. Mi è quindi stato consigliato di provare un piccolo programma per Linux chiamato Terminator. In breve, il programma consente di eseguire molteplici terminali nella stessa finestra. La cosa potrebbe sembrare da poco ma è di un utilità spaventosa, specie quando si vuol leggere un log mentre si compie l’azione che genera tale log. Una volta provato, non ho potuto più farne a meno. Quindi ho ricercato se esisteva qualcosa di equivalente su Mac. La mia scelta è ricaduta su iTerm2, gratuito, con  le stesse funzionalità di terminator più qualche bonus così come ci si aspetta da un’applicazione per Mac OS. Si scarica da qui.





Cerchi un modo “pratico” per visualizzare immagini? Prova PornView (non è uno scherzo)

7 07 2010

Questo lo devo scrivere semplicemente perché non resisto. Un software di visualizzazione di immagini che si chiama PornView. Perché?…..Sì controlla senza mani. Non è una barzeletta da bar di periferia ( tra l’altro mi piacciono molto i bar di periferia) ma la verità. Io il programma non l’ho testato. Credo possa essere utile perché nelle sue caratteristiche ha la possibilità di settare filtri per la visualizzazione di immagini e di restituire un sacco di informazioni EXIF allegate nei file JPEG. Credo anche che un utilizzo hands-free sia molto utile nelle presentazioni.

Ma diciamo che il nome è tutto un programma. Per Linux, gratis e scritto in GTK+, si scarica qui.





xVideoServiceThief: scarichiamo video clip da più di 76 siti diversi

27 06 2010

Il nome dice tutto. Il software è un ladrone di video clip. Youtube, Vimeo, Video MySpace ed altri ( la lista arriva a 76 siti): se vedete un filmato che vorreste guardare con calma offline, potete scaricarlo con xVideoServiceThief. E’ disponibile per Windows, Mac e Linux. Converte le clip nei formati più diffusi in modo da facilitarne la fruizione qualsiasi sia il media da voi scelto. Completo di download manager per interrompere e riprendere lo scaricamento con comodità, di auto-aggiornamento appena il software è rinnovato e di funzionalità drag&drop. Si scarica da qui ed è gratis.





Ancora PS3 Media Server

22 06 2010

Sono passate ere dal mio ultimo post quindi direi che il miglior modo per ripartire è riprendere con argomenti già trattati, tanto per dare una parvenza di continuità.
L’argomento prescelto è il media server. Condividere i miei filmati e musica via rete è un qualcosa a cui non posso più rinunciare e che con piacere mi ha liberato dall’accumulo di cd e dvd.
Dopo aver parlato di TVersity and Fuppes la mia scelta si  infine attestata su PS3 media server. L’attuale versione stabile è un pò datata (2009) ma una beta è disponibile da Marzo e si spera che una nuova stabile sia presto disponibile. Il software è in Java e pertanto multipiattaforma. Ovviamente i vari OS offrono anche strumenti nativi per raggiungere simili risultati come Windows Media Player 12 in Windows 7.
Però PS3 Media server ha innumerevoli vantaggi. I più importanti per me sono la possibilità di farmi selezionare i sottotitoli (quando integrati nel contenitore video) e la possibilità di usare immagini DVD ISO e cartelle VIDEO_TS.
PS3 media server è gratis e si scarica da qui.





Backup e ripristino del Bootloader: precauzione importante.

8 03 2009

backupIn un precedente articolo avevo affrontato l’annoso problema della riparazione del bootloader qualora si fosse cancellata la partizione Linux direttamente da Windows, senza prendere le necessarie precauzioni. Supponiamo ora l’inverso: ho un sistema con varie partizioni e vari OS. Mettiamo ad esempio :Win XP, Ubuntu e Fedora. Grub fa il suo sporco dovere e mi consente di accedere ai miei sistemi in tranquillità. Ma, al solito, quel birbantello di Windows fa i capricci e decido di riformattare. Siccome il mio Grub ha una list di ben 3 sistemi operativi, ognuno con vari Kernel, non mi va proprio di perdere tutto e riconfigurare da capo. La cosa migliore è fare un lesto backup!

Da Linux, aprite un terminale e (una volta autenticati come super utenti) digitate:

dd if=/dev/hdx of=/home/lolleus/USBStick1/mbr-bkp bs=512 count=1

Il comando copia il contenuto del vostro MBR in un file. Ovviamente, al solito, dovete sostituire al mio esempio i vostri percorsi ed i nomi dei vostri drive. /dev/hdx potrebbe essere /dev/hda o /dev/sda, a seconda dei casi. Attenzione, (precisazione ovvia per molti) dico hda e non hda1 o hda2 ecc, perchè non mi riferisco ad una partizione ma alla sezione iniziale dell’intero disco rigido.

Stesso discorso vale per la seconda parte del comando: sostituite il mio percorso con quello che fa al vostro caso e con il nome che avete scelto per il backup. Quando il vostro backup è effettuato, siete al sicuro. Per ripristinarlo sarà sufficiente lanciare una live, diventare superutente e digitare il comando inverso:

dd if=/home/lolleus/USBStick1/mbr-bkp of=/dev/hdx bs=512 count=1

Ultimo accorgimento: la distro live di vostra scelta chiamerà probabilmente in modo diverso il vostro disco, ed il mountpoint del vostro dispositivo dove avete copiato il file potrebbe essere diverso. Prima di lanciare il comando, perciò, fate i dovuti controlli e, se necessari, cambi!








%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: